Mercoledì, 17 Maggio 2017

NOBILITAS

Testi medievali e mappe ontologiche digitali

Acronimo:                 NOBILITAS                         

Titolo completo:       Testi medievali e mappe ontologiche digitali. Il concetto di come per una delle teorie dell’intelletto del XIII secolo.

Tipologia:                 Post Doc

Durata:                     dal  01/04/2012           al 31/03/2015

Costi totali:               Euro 143.700

Contributo PAT:        Euro 135.692,09

Soggetto coordinatore:       Università degli Studi di Trento

Responsabile di progetto:   Andrea Colli

Area tematica:   Storia della Filosofia Medievale

Sito Web:  http://nobilitas.lett.unitn.it/

________________________________________________________________________

 

Obiettivi del progetto:

Esistono parole che più di altre contribuiscono a caratterizzare il pensiero di un filosofo, a svelarne le intenzioni e a seguirne le tracce nella storia. Non necessariamente si tratta di “concetti chiave”, raccolti nei glossari o nelle enciclopedie; talvolta si tratta di espressioni apparentemente secondarie e trascurabili, il cui uso, tuttavia, è il risultato di un’accurata scelta teorica.

Come identificarli?

Il progetto di ricerca NOBILITAS ha inteso mostrare – attraverso un esperimento-pilota – come un corpus di testi filosofici possa essere processato e analizzato automaticamente, al fine di identificarne le parole-chiave, i contesti semantici in cui si presentano, le associazioni di parole più frequenti.

Tale lavoro, apparentemente solo lessicografico e statistico, consente in verità di creare mappe semantiche che aprono all’umanista la possibilità di esplorare nuovi concetti e di osservare problemi antichi secondo un nuovo punto di vista.
In questa prospettiva l’aggettivo nobilis e il sostantivo nobilitas sono diventati vere e proprie Key-Words-In-Context che hanno consentito di rileggere passaggi fondamentali della noetica, della psicologia, della metafisica di pensatori medievali come Alberto Magno, Bonaventura da Bagnoregio, Ulrico di Strasburgo, Teodorico di Freiberg, suggerendo in molti casi nuove strade interpretative.

Stato dell’arte e soluzioni al problema e per il raggiungimento degli obiettivi esistenti  prima del progetto, ed elementi migliorativi introdotti dal progetto:

L’analisi informatica di testi letterari e filosofici, la creazione di database, ipertesti o edizioni elettroniche è da molti anni una risorsa preziosa per gli studi umanistici.
Non si tratta dunque di richiedere alle macchine un ulteriore sforzo per comprendere il linguaggio umano, bensì di perfezionare gli strumenti affinché esse possano essere a tutti gli effetti collaboratori di ricerca. Tale compito non è secondario nell’attività di ricerca dell’umanista che, al contrario, deve prendersi carico dell’attività di progettazione dei software che andrà a trattare e rielaborare i dati che egli intende sottoporgli, dal momento che, più di un qualsiasi programmatore, ne conosce specificamente i contenuti. 

Organizzazione del lavoro:

Per facilitare il lavoro si è proceduto a sviluppare contemporaneamente tanto un’analisi degli strumenti e dei metodi che dovevano consentire una buona analisi automatica dei testi latini medievali, quanto una progressiva riflessione sui contenuti teorici che le associazioni di parole al concetto di nobilitas sembravano suggerire.

Così facendo si è alternata la produzione di articoli scientifici di carattere strettamente medievistico a “esperimenti” di catalogazione dei dati.

Risultati raggiunti:

Il lavoro  teorico sull’uso e i significati delle occorrenze dell’aggettivo nobilis e dell’aggettivo nobilitas negli scritti medievali ha consentito la produzione di un numero considerevole di lavori scientifici, tra cui una monografia sul concetto di nobiltà in Alberto Magno in corso di pubblicazione.
Tra i risultati metodologici, in parte raccolti anch’essi in articoli scientifici, significativa è la creazione di DB-Anima che consente di sfogliare, studiare e ricercare singole parole nelle diverse traduzioni latine del De anima di Aristotele. 

Impatto:

I risultati parziali e definitivi del progetto sono stati regolarmente presentati alla comunità scientifica.
Da segnalare il convegno Nobilitas. Crocevia di saperi tra Medioevo ed Età Moderna, svoltosi a Trento nel 2014 e cui hanno preso parte relatori di fama internazionale, e la partecipazione del responsabile del progetto al 2nd Workshop in Medieval Philosophy (Catholic University of America – Washington DC) e alle Medieval Lectures (Boston College). 

Keywords:

Nobiltà, Anima, Intelletto, Alberto Magno, Bonaventura, Web-Semantic